Museo Civico Archeologico Verucchio

 

in short

Il Museo Archeologico di Verucchio espone una ricca selezione di corredi funerari rinvenuti nelle necropoli di Verucchio, riferibili alla civiltà villanoviana, attestata tra IX e VII secolo a.C.
Ancient Monastery of Saint Agustin, Archaelogical Musem of Verucchio
© Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Emilia Romagna
Logo: Museo Civico Archeologico Verucchio

Museo Civico Archeologico Verucchio

in detail

Il progetto del Museo Civico Archeologico di Verucchio

Il Museo ha sede nell’ex Monastero di S. Agostino, sito appena fuori le mura medioevali e risalente al XII secolo, con restauri nel XVII secolo che videro anche la costruzione della Chiesa e delle filande. Fu successivamente destinato ad usi diversi fino ad essere abbandonato negli anni ’70. Il restauro dell’edificio e la sistemazione museale sono stati eseguiti per conto dell’Amministrazione Comunale, che ha voluto dar vita a Verucchio ad un Museo Archeologico in grado di valorizzare un eccezionale patrimonio, costituito dalle scoperte verificatesi nel territorio di Verucchio sin dal XIX secolo. Si tratta di testimonianze che meritano certamente di essere conosciute, perché rappresentano un tassello fondamentale per chi voglia ricostruire il mosaico dell’Italia centro settentrionale e adriatica nella prima metà del I millennio a.C.  L’eccezionale conservazione di oggetti realizzati in materiali organici (legno, tessuti, vimini ecc.) spiega il grande fascino dei rinvenimenti verucchiesi per il pubblico di ogni genere e offre in più agli studiosi possibilità uniche di indagare aspetti della vita di un popolo antico, altrimenti noti quasi esclusivamente per via indiretta tramite modellini o rappresentazioni figurate: il mobilio, gli abiti, il cibo, gli accessori di uso quotidiano.
Il Museo fu inaugurato nel 1985 grazie all’impegno comune della Soprintendenza Archeologica dell’Emilia Romagna e dell’Amministrazione Comunale con l’esposizione, nei locali allora pronti, di una piccola selezione di materiali. Sempre nel 1985 iniziò l’edizione dei materiali con la pubblicazione, da parte di G.V. Gentili, dello scavo della necropoli Moroni. Successivamente una Mostra del 1986, a Bologna, rappresentò l’occasione per il restauro e l’esposizione dei corredi di due tombe principesche scavate negli anni ’70 nel podere Lippi (tombe 85 e 89). A partire dal 1992 il Comune e la Soprintendenza, con il sostegno di gruppi di cittadini e la generosa partecipazione del gruppo SCM, hanno messo in cammino il progetto per lo studio e la valorizzazione del patrimonio archeologico di Verucchio.
È stato costituito un Comitato Internazionale per lo studio delle necropoli villanoviane di Verucchio, cui hanno aderito le Università di Roma, Milano, l’Ecole des Hautes Etudes di Parigi e successivamente la Fachhochschule di Colonia e il Romische-Germanische Zentralmuseum di Mainz.
Il completamento del restauro dell’edificio e la prosecuzione del lavoro di restauro, catalogazione e studio dei materiali ha permesso successivamente di avviare una nuova, più completa presentazione della realtà archeologica di Verucchio. Il nuovo allestimento ha visto fin dal 1995 una realizzazione a tappe successive, conclusa con l’utilizzo di tutti gli spazi dell’edificio conventuale, compresa la restaurata Chiesa di S. Agostino. La scelta di un progetto da realizzare in modo articolato è legata all’idea stessa di museo che sottende alla realizzazione: un “Museo in divenire”, che ha l’ambizione di modificare nel tempo quanto propone alla lettura del pubblico, sia attraverso l’aggiornamento degli apparati critici e didattici, sia attraverso il rinnovamento dei materiali esposti, con una possibile rotazione fra depositi e sale di esposizione; un museo che, per come è stato pensato, sarà sempre in evoluzione, o meglio in fase di crescita qualitativa e di rinnovamento, adeguandosi anche ai sempre più sviluppati sistemi di comunicazione moderni.


Il percorso espositivo
Il progetto museale si propone di mettere in evidenza, nella scelta dei materiali esposti e negli apparati didattici e illustrativi, almeno tre aspetti fondamentali: l’assetto topografico, le dinamiche della struttura socioeconomica e culturale della comunità villanoviana di Verucchio tra il IX ed il VII secolo a.C. e le conseguenti modificazioni subite dalla documentazione archeologica. Sono stati selezionati materiali provenienti da varie necropoli, scelti in modo da rappresentare la struttura articolata per gruppi familiari, sottolineando le caratteristiche dei diversi tipi di corredi (maschili, femminili, di armati, ecc.) e la minore o maggiore complessità in relazione all’evolversi della realtà archeologica tra IX e VII secolo a.C.
Il percorso espositivo segue un ordine prevalentemente cronologico, dai materiali più antichi ai più recenti, ed è arricchito da pannelli, didascalie e ricostruzioni (tra cui un’animazione multimediale del rito funebre), al fine di rendere agevole a più livelli la comprensione di ogni oggetto e il suo inquadramento nel contesto generale.
La presentazione dei reperti nell’allestimento museale è stata progettata ed impostata con l’obiettivo di comunicare gli aspetti più caratterizzanti questa civiltà ed i molteplici significati dei corredi funerari attraverso più linguaggi, per favorire la fruizione di un pubblico vasto ed eterogeneo.
I corredi sono esposti integralmente e per alcuni di essi è stato ricostruito anche il contesto tombale di provenienza, rispettando forma e dimensioni della sua originaria struttura e, dove possibile, la disposizione degli oggetti al suo interno.
Come nel loro originario allestimento, le sepolture comprendono dunque il contenitore delle ceneri dei defunti (poiché a Verucchio è attestato sino ad ora solo il rito funerario della cremazione) e gli oggetti che componevano il corredo funebre: elementi dell’abbigliamento, vasellame da banchetto, arredi, elementi di carri e bardature nelle tombe maschili e femminili; armi offensive e difensive per caratterizzare i defunti come guerrieri; strumenti da filatura e tessitura e gioielli nelle sepolture femminili.
La documentazione archeologica verucchiese, sebbene di natura quasi esclusivamente funeraria, consente comunque di mettere in evidenza gli aspetti più rilevanti della civiltà antica attraverso i materiali, che riflettono le principali dinamiche interne alla comunità così come le sue relazioni con l’esterno: i ruoli ed i rapporti sociali dei gruppi familiari, le forme organizzative del quotidiano e i rituali che accompagnavano le credenze nell’aldilà; e ancora le produzioni artigianali, le direzioni degli spostamenti e i rapporti con regioni anche lontane che inseriscono il contesto verucchiese nelle più attive direttrici di scambio dell’epoca.
I corredi caratterizzano i defunti – uomini e donne – come appartenenti a famiglie di altissimo rango, presumibilmente i gruppi gentilizi locali, il cui potere e prestigio poteva derivare dal controllo di un territorio più esteso, circostante la rupe Verucchio, in cui controllavano e gestivano i traffici e le produzioni.


Sala degli Antenati
Il percorso prende avvio dalle sepolture più antiche, composte da corredi semplici ma già ben caratterizzati a livello di corredo, offrendo lo spunto anche per una introduzione generale sul villanoviano verucchiese, sulla distribuzione topografica dei rinvenimenti, sulle tipologie di tombe rinvenute, e presentando anche un sintetico ed esaustivo quadro dello sviluppo dei corredi funerari maschili e femminili nei secoli di vita del villaggio, dal IX al VII a.C.


Sala degli Armati
Qui vengono presentate prevalentemente tombe di guerrieri di VIII e VII secolo a.C., insieme a un minor numero di significativi corredi femminili, che erano compresi nella stessa area sepolcrale.
Le sepolture maschili a Verucchio sono contraddistinte dalla costante presenza di armi offensive e, nelle tombe più complesse, anche difensive, realizzate in bronzo e ferro e nella maggior parte dei casi riccamente decorate: spade, lance e pugnali, elmi di varia tipologia e scudi, che denotano il livello raggiunto dalle produzioni artigianali locali e riflettono la caratterizzazione sia in senso fortemente aristocratico, sia in senso rituale dei defunti deposti nelle necropoli intorno al villaggio.


Sala del Mantello
È dedicata alle attività femminili della filatura e tessitura, che risultano eccezionalmente documentate nelle sepolture di Verucchio non solo dagli utensili utilizzati per filare e tessere (conocchie, fusi, rocchetti, fusaiole, aghi, pettini, distanziatori, tavolette per i bordi delle vesti), ma anche dai resti degli abiti che si sono mantenuti in numerose tombe maschili e femminili: si tratta per lo più di tuniche e mantelli in lana, che è stato possibile in qualche caso restaurare ed esporre in Museo grazie alla collaborazione con la Fachhochschule di Colonia, tuttora impegnata nel completamento delle ricerche sui tessuti verucchiesi. Lo straordinario stato di conservazione di questi reperti – che rappresentano l’unico caso per l’Italia protostorica di abiti mantenutisi pressoché integralmente – ha permesso di risalire alla forma, alla materia prima ed al colore originario, di studiare le tecniche di tessitura utilizzate dalle donne villanoviane ed inoltre di formulare ipotesi sulle funzioni che gli elementi dell’abbigliamento dovevano rivestire in ambito rituale.
I corredi delle donne che si occupavano e gestivano questa attività domestica comprendono non solo tracce dei tessuti, ma anche accessori per le vesti (cinturoni, pettorali, fibule, perline), gioielli in ambra, osso, bronzo, pasta vitrea, strumenti per filare e tessere (anch’essi realizzati in materiali preziosi), ma includono talvolta anche elementi simbolici che riconducono a ruoli complessi nell’ambito della comunità antica, di cui evidentemente anche le donne erano investite (la tomba femminile Moroni 26 comprende ad esempio un trono ligneo).


Sala della Tessitrice
La tomba presentata in questa sala doveva essere riservata a due defunti, di cui una doveva essere una fanciulla, contraddistinta da elementi ben caratterizzanti il genere femminile, alcuni realizzati però in dimensioni ridotte: piccoli orecchini, fibule e rocchetti miniaturizzati.
Di una tessitrice viene proposta anche la rappresentazione grafica, che esemplifica in modo efficace gli elementi dell’abbigliamento, nonché la modalità di lavorazione al telaio.


Sala delle Ambre
Recentemente acquisita ad ampliare il percorso museale, la vetrina presenta l’allestimento di una delle più prestigiose sepolture femminili finora rinvenute (la Tomba Lippi 47): si tratta di una tomba a dolio, che conteneva a sua volta l’ossuario in bronzo, entrambi addobbati con tessuti decorati da fibule e altri ricchi ornamenti in ambra e bronzo.
Il corredo in ambra risulta eccezionale per la quantità degli oggetti realizzati con questo materiale prezioso ed anche la fattura, in particolare delle fibule, che documentano la conoscenza di tecnologie particolarmente sofisticate e contribuiscono a rafforzare l’ipotesi che fa di Verucchio uno dei centro maggiormente specializzati all’epoca nel commercio e nella lavorazione di ambra baltica.
La sepoltura appartiene ad una donna adulta e la scelta degli oggetti di corredo ne sottolinea il rango e forse la funzione.
Il ruolo tradizionale della “signora della casa” sotto il cui controllo ricadevano le attività di filatura e tessitura è documentato simbolicamente dalla conocchia in ambra; tuttavia le donne a Verucchio, come in altre comunità italiche di questo periodo, assumevano ruoli di rilievo nella sfera del sacro e forse anche in altri ambiti importanti, come dimostrano oggetti riconosciuti come “simboli di potere”, ad esempio le asce, di cui in questa tomba (ed in altre sepolture femminili) è presente un esemplare.


Sala dell’Area Sacra
L’unica sala non dedicata a sepolture è quella dell’ “Area Sacra”, dove è ricostruito il pozzo di Pian del Monte (scoperto ed in parte scavato in passato non lontano da un settore abitativo del villaggio antico), con materiali che coprono un ampio excursus cronologico, dal Bronzo recente (XIII secolo a.C.) agli inizi del IV a.C.


Sala del Trono
La sala è interamente dedicata alla ricostruzione della tomba del “principe” (tomba Lippi 89), certamente uno dei principali corredi funerari finora rinvenuti a Verucchio. La ricostruzione presenta la forma e le dimensioni originarie della struttura tombale, all’interno della quale sono collocati il cassone ligneo, che comprendeva il corredo, ed il trono istoriato, anch’esso in legno. Gli oggetti che accompagnavano la deposizione sono numerosissimi: alcuni avevano seguito il defunto sul rogo (ornamenti personali, abiti, insegne, armi, carri, vasellame); altri dovevano essere utilizzati per rappresentare simbolicamente lo stesso defunto (armi, insegne ed il rituale della vestizione dell’ossuario, che doveva comprendere un grande mantello perfettamente conservato ed esposto in Museo); altri ancora dovevano essere destinati alla vita nell’aldilà e impiegati durante i rituali connessi alla cremazione e sepoltura da coloro che vi presero parte.
Questa sepoltura sottolinea fortemente attraverso molteplici segni il prestigio del defunto, che doveva rappresentare uno dei membri più autorevoli delle èlites locali, investito forse di più ruoli legati alla sfera militare, civile ma anche religiosa.
Il più significativo di questi simboli è certamente il trono ligneo, non l’unico esemplare di trono di provenienza verucchiese, ma quello meglio conservato e più rappresentativo: esso conserva infatti una complessa decorazione figurata che, all’interno dello schienale, include vere e proprie scene, ricche di significati complessi e forse non univoci.


Sala Nuovi Scavi
Di più recente acquisizione è la sala “Nuovi Scavi”, che presenta una selezione di materiali rinvenuti nei più recenti scavi, condotti dal 2005 nella Necropoli Lippi di Verucchio, che hanno messo in luce sino ad ora 50 nuovi corredi funerari. I reperti più significativi rinvenuti durante le campagne 2005 e 2006 sono stati restaurati e sono già visibili al pubblico. Si tratta di oggetti appartenenti a corredi femminili (gioielli in ambra, strumenti per filatura e tessitura, vasellame, bardature equine) e maschili (elementi di ornamenti, vasellame, e soprattutto armi). Tra le armi, spicca un elmo in bronzo di tipo Vetulonia (primo caso documentato a Verucchio), del quale si è rinvenuta anche la fodera interna, realizzata in vimine intrecciato e perfettamente conservata grazie alle condizioni del terreno in cui venne scavata la tomba.
The museum on google maps:

keywords

Visitor entrance

Monastero di S. Agostino
Via S. Agostino, 14
47826 Verucchio
Italy
view on a map

Opening Times

Sun
10:00 - 18:30
Mon
09:30 - 19:30
Tue
09:30 - 19:30
Wed
09:30 - 19:30
Thu
09:30 - 19:30
Fri
09:30 - 19:30
Sat
14:30 - 18:30
Please note: There is a midday break from 12:30 to 14:30 Monday to Friday and from 13:00 to 14:30 on Sundays

euromuse.net - The exhibition portal for Europe