Museo archeologico Oliveriano

 

in short

Il Museo Archeologico Oliveriano occupa tre grandi sale con volte a crociera al piano terra di Palazzo Almerici (sec. XVII/XVIII). Espone circa 2600 reperti, databili tra l’VIII secolo a.C. e il VII sec. d. C.
Profilo di Palazzo Almerici
© Ente Olivieri
Logo: Museo archeologico Oliveriano

Museo archeologico Oliveriano

in detail

Il museo occupa una superficie di 522,4 mq. al piano terra parzialmente interrato a partire dall'ala destra del palazzo dal cui androne, che ospita una statua di matrona romana e basi marmoree con iscrizioni, si accede a tre grandi sale con volte a crociera. Gli oggetti in esposizione sono circa 2600.

La prima sala espone reperti di vario genere di epoca romana, prevalentemente da collezione dell’Olivieri: ritratti in marmo, fondi di coppe vitree graffite e iscritte, un larario puerile e parte della collezione numismatica. Nella seconda sala si trovano i reperti della necropoli di Novilara (secc. VIII-VII) tra i quali spicca la famosa stele della naumachia. La terza sala mostra diverse sezioni che comprendono sia oggetti provenienti da scavo, come i reperti del Luco o Bosco sacro pesarese (databili tra il III sec a.C. e il I sec. d.C.), o la "tabula fabrorum" in bronzo. Molto importanti sono poi le epigrafi, dall'età romana arcaica al rinascimento, che sono murate nell’area cortilizia e alle pareti dello scalone balaustrato in marmo del palazzo, cippi e marmi prevalentemente di provenienza locale . La documentazione di cultura materiale e artistica non si esaurisce nelle sale espositive del museo, ma comprende avori, bronzetti, gemme, cammei, monete, medaglie e placchette, visibili nella sala affrescata "dello Zodiaco" in biblioteca.

Alla biblioteca che nasce unitamente al Museo a metà del Settecento per volere del nobile Annibale Olivieri è accreditato oggi un patrimonio di 360.000 opere a stampa che datano a partire dal Quattrocento, tra le quali 400 incunaboli, 2264 manoscritti, un fondo diplomatico di altrettante pergamene, migliaia di cinquecentine e seicentine, carte geografiche, mappe, disegni e incisioni e, naturalmente, una cospicua raccolta di opere moderne e contemporanee che costituiscono il corpo forse meno noto dell'Istituto.
Museo Archeologico Oliveriano
Il Museo archeologico intitolato al nobile pesarese Annibale Olivieri è ospitato dagli anni Ottanta dell’Ottocento, insieme alla Biblioteca storica di Pesaro, nel Palazzo Almerici, detto poi Palazzo dell’Ateneo, situato nel pieno centro urbano (via Mazza 97)   

Realizzato in tempi diversi su tre piani nel corso del XVII secolo, lo stabile risulta costituito al primo e al secondo da numerosi locali, riccamente ornati da stucchi a da sofffitti affrescati cui si accede da uno scalone balaustrato in marmo. Il palazzo si apre con  un maestoso portale proveniente forse da un altro edificio, da cui si intravvede un vasto cortile il cui muro di fondo venne impreziosito da un ballatoio orizzontale di grande effetto scenografico.

Qui, su una superficie utile di circa 3500 metri quadrati sono depositate e ordinate varie e preziosissime raccolte archeologiche, bibliografiche, artistiche e documentarie (ad esempio l'archivio storico comunale). Il lapidario è disposto anche nel cortile e lungo i rampanti delle scale.
The museum on google maps:

keywords

Visitor entrance

Museo Archeologico Oliveriano
Mazza, 97
61121 Pesaro
Italy
view on a map

Opening Times

Sun
-
Mon
09:00 - 12:00
Tue
09:00 - 12:00
Wed
09:00 - 12:00
Thu
09:00 - 12:00
Fri
09:00 - 12:00
Sat
09:00 - 12:00
Throughout summer (july and august) the museum is open all days from 4 p.m. to 7 p.m. except public holidays

euromuse.net - The exhibition portal for Europe